Eventix

Lecture, talk, workshop e public speaking in generale: mi piace parlare in pubblico di realtà virtuale, realtà aumentata e tecnologie immersive, ma anche degli aspetti culturali della loro comprensione e applicazione, dalla scuola, alla società, fino naturalmente all’impresa e all’industria.
Ecco i prossimi appuntamenti:

 

Castiglioncello – 05 ottobre 2019 @ TALENTIKA SUMMIT
Talk “Il mondo non è abbastanza” – Corso in Digital Transformation

Le tecnologie immersive nelle loro varie declinazioni hanno sempre aperto spazi concreti all’immaginazione. Oggi, realtà aumentata e virtuale promettono di cambiare le nostre vite e il nostro lavoro.
Ma a che punto siamo veramente? Quali scenari ci dobbiamo aspettare nell’immediato futuro e come possiamo trarne vantaggio?”
👉 Info e biglietti: https://www.talentika.it/talentika-summit/

 


Firenze, Student Hotel – 12 ottobre 2019 @ BRIGHT EDU FESTIVAL
Lecture “Educazione virtuale: una riflessione su apprendimento e tecnologie immersive “

Come sarà la scuola di domani? Come possono realtà aumentata e virtuale renderla più adatta all’uomo digitale? Che cosa sono veramente queste tecnologie? Ne parleremo in una lecture multidisciplinare, nella quale cercheremo di comprendere la materia e di metterla in pratica con la scrittura di un progetto didattico immersivo. L’incontro è particolarmente indicato a docenti e studenti in qualunque ambito disciplinare, ma anche a professionisti, manager e im-prenditori che vogliano approfondire i temi della realtà aumentata e virtuale con un particolare focus sull’apprendimento.
👉 Info e biglietti: https://edu.brightfestival.com

 


[ANNULLATO 😢] Orvieto – 25, 26, 27 ottobre 2019 @ PSYLIFE DIGITAL FESTIVAL
Workshop “Tecnologie immersive: implicazioni psicologiche e utilizzi pratici”

Le tecnologie immersive avvolgono l’utente in un tutt’uno nel quale ambiente reale e contenuti digitali si sovrappongono fino a confondersi. Le loro origini si perdono nella nebbia del tempo. Dalla capacità innata di immaginare e sognare come forma primigenia di realtà virtuale, alla realtà aumentata teatrale del Pepper Ghost, fino alle ardite sperimentazioni degli anni ’60 e alle applicazioni in ambito militare che ci hanno portato sino al presente.
Ma che cosa sono veramente queste tecnologie e come possiamo utilizzarle?
Si tratta di discipline che uniscono design, user experience e programmazione e che hanno un’importante componente psicologica. Generano infatti una particolare risposta cerebrale nell’utente, diversa rispetto ai media tradizionali, e ci pongono di fronte a nuove questioni etiche, sociali e comportamentali. Dunque, al di là di scenari distopici alla Black Mirror, o di fantasticherie avveniristiche alla Ready Player One, proviamo a basarci su ciò che esiste oggi per capire quali cambiamenti potrebbero sopraggiungere nei prossimi anni. Proviamo a capire come sfruttare il potenziale dirompente di realtà aumentata e realtà virtuale nei nostri progetti.
👉 Info e biglietti: http://www.psylife.it/festival

 

Clicca qui se vuoi invitarmi a parlare in un evento

Antonio Laudazi

Innovation manager e consulente su strategia e trasformazione digitale. Nel 2012 fondo Marte5, agenzia specializzata in tecnologie immersive, oggi parte del Polo Digitale.
Autore del libro “Niente sarà più come prima”, (Dario Flaccovio Editore) e docente di tecnologie immersive presso l’Accademia Leonetto Cappiello di Firenze.
Co-fondatore di Psicologia 4D, laboratorio sul trattamento delle fobie tramite psicoterapia e realtà virtuale.

Entriamo in contatto

Contattami se hai domande o dubbi. Se vuoi invitarmi a parlare da qualche parte, se ti serve una consulenza o se vuoi sviluppare un progetto.

Iscriviti alla newsletter per non perderti neanche un articolo

Il mio logo

Il gufo è simbolo di conoscenza, saggezza e capacità di osservazione. Il modo in cui vede è molto diverso dal nostro, ma come noi vede ciò che gli serve vedere per sopravvivere. In questo, al pari di altri animali, mi ricorda che la realtà è relativa e che la natura non ha pensato solo ad “ottimizzare” l’uomo.
Le tecnologie immersive hanno questa stessa caratteristica. Possono offrire punti di osservazione differenti o completamente nuovi, materializzare le immagini della nostra mente e offrire una differente interpretazione del mondo.